LOUNGE IN AEROPORTO PER UN’ESPERIENZA VIP

Era il 2 dicembre del 1939 quando, nell’aeroporto La Guardia di New York, la compagnia American Airlines crea la VIP Lounge, determinando così la prima esperienza di lounge in aeroporto.

lounge
Lounge Casa Italia, Milano Malpensa – immagine presa da internet

Nata in realtà come strumento di promozione della stessa compagnia aerea, ha subito avuto un grandissimo successo tanto da portare l’allora Amministratore Delegato di American Airlines, Cyrus Rowlett Smith, a crearne delle altre per il relax dei viaggiatori prima e dopo il volo.

Ed oggi le Lounge si trovano in tutti gli aeroporti delle grandi città del mondo e garantiscono, al viaggiatore che vi accede, un riposo maggiore rispetto alle tradizionali sale di attesa e con servizi più confortevoli.

Che sia prima di effettuare un lungo volo o durante un lungo scalo, le Lounge offrono ai passeggeri un’atmosfera rilassante e tranquilla, oltre a comfort e plus.

Ma andiamo per ordine.

Le tipologie di Lounge in aeroporto

Fino agli inizi degli anni 90 accedeva alle Lounge solo il viaggiatore che acquistava biglietti aerei in Business Class o First Class. Lounge, quindi, private ed appartenenti ad una determinata compagnia aerea. Sul finire di quegli anni, però, numerose aziende private hanno cominciato a creare delle nuove opportunità di accesso: le pay-per-use. Si tratta di Lounge pubbliche il cui accesso veniva garantito attraverso il pagamento di un biglietto di ingresso, a prescindere dal biglietto aereo acquistato. Entrambe le tipologie sono oggi, ancora, pienamente utilizzate. E rendono il viaggio un’esperienza unica.

Che servizi offrono

I servizi messi a disposizione delle Lounge sono diversi tra loro ma quelli base sono pressoché identici. Vediamoli: connessione wi-fi gratuita, punti ristoro, schermi per il controllo voli, tv, quotidiani internazionali e sale meeting private. Nelle Lounge più lussuose sono presenti, anche, palestra, centro benessere, servizi con docce, stanze dove i viaggiatori possono riposare senza essere disturbati. E’ previsto anche un servizio di assistenza da parte del personale customer care. Questo per soddisfare le richieste dei passeggeri: dal cambio volo, alle nuove prenotazioni, dal cambio di posto alle variazioni di classe.

Come si accede a queste Lounge

Esistono vari modi per accedere alle Lounge, soluzioni economiche e non, che permetteranno ai viaggiatori di sentirsi coccolati durante il loro tempo di attesa. Un tempo che sarà più veloce e piacevole.

Biglietti Business e First Class: acquistando uno di questi biglietti l’accesso alla Lounge sarà automatico. Ovviamente il costo di questi biglietti è molto elevato.

Frequent flyer: si ottiene volando molto con la stessa compagnia aerea. Un programma di accumulo miglia volate che dà diritto a dei premi o dei benefit come l’accesso alle Lounge. La registrazione al programma è gratuita e l’accumulo miglia automatico inserendo il numero di carta che viene assegnato, nella prenotazione.

Pass giornaliero: un pass di 24 ore da acquistare in aeroporto o online sui siti delle compagnie aeree. Il costo varia a seconda delle Lounge scelte.

Carte di Credito: alcuni dei circuiti carta di credito (VISA, MasterCard, American Express, Diners) hanno stipulato accordi con le compagnie aeree garantendo diversi vantaggi, uno tra questi le Lounge. I costi delle carte sono diversi in base alla tipologia di carta posseduta.

Lounge Pubblica: acquistando un biglietto di ingresso online o direttamente in aeroporto. Il costo è economico e vale esclusivamente per la data impressa sul biglietto.

Un mondo affascinante quello delle Lounge, che darà a ciascun viaggiatore l’occasione di sentirsi un vero e proprio VIP.

Veruska, per gli amici Veryna. Viaggiatrice, sognatrice, boardgamer, grande lettrice, animatrice ed anche attrice (amatoriale). Ma soprattutto agente di viaggio. Il tempo non mi basta mai per seguire le passioni, ma lo sfrutto al meglio con generosit?, voglia di fare e tanto tanto sorriso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.